Close

Scopri le sorprese del baule degli antichi pellegrini di Terra Santa

Compila i campi per scaricare la pergamena!

Anticamente era decisamente complicato raggiungere la Terra Santa. Le vie di pellegrinaggio erano due ed entrambe duravano svariati mesi. Il viaggio “più breve”, quello per mare, durava come minimo tre mesi, se non si incontravano particolari difficoltà (tempeste, malattie, assalti dei pirati ecc..).  


Anche per questo, tra le testimonianze di pellegrinaggi che ci sono pervenute, molte riportano i rischi corsi durante il viaggio e di conseguenza i consigli per evitarli, quando possibile. Ad esempio, un pellegrino belga attivo alla fine del 1500, Jean Zuallart (1541-1634) una volta tornato dalla Terra Santa, inserisce nel suo racconto una lista di nécessaire che è d’obbligo portarsi nel Baule del Pellegrino.


Per scaricare la pergamena con l'elenco degli oggetti compila il form.

Come viaggiavano gli antichi pellegrini verso la Terra Santa?

“Procuratevi una cassa, che sia dotata di una buona serratura e potrà servirvi anche come letto… un piccolo materasso della propria misura e un cuscino per riposare la notte… un paio di lenzuola e due federe. Vi basteranno quattro o sei camicie semplici, senza collare, con due o tre paia di calzoni e calzette di tela. Poi cuffie, fazzoletti e asciugamani, per potervi pulire ed evitare i pidocchi. Questi non mancano, soprattutto sulle navi che portano a Giaffa e sarà difficilissimo liberarvene, una volta assaliti… E non dimenticate la berretta da marinaio!”


Jean Zuallart, Il devotissimo viaggio di Gierusalemme, Roma, Domenico Basa, 1595, pp. 39-47


Il racconto del pellegrino